Donald Rjurikovich Variazhskij “A Putin piace Donald perché discende dal principe fondatore della Russia”

Putinstan

Perché Putin tifa Trump? Perché ha umiliato l’odiata Hillary Clinton? Certo. Ma anche perché ha soprattutto origini russe. E nobili. Anzi, più nobili di così si muore. Addirittura, per lo storico Aleksej Nilogov, nelle vene di Trump scorrerebbe il sangue blu del mitico Rjurik Variazhskij, fondatore dello stato russo, nonché granduca di Novgorod (830-879). L’albero genealogico dei reali di Novgorod e Kiev è assai frondoso. Si allarga in tutto il resto d’Europa: monarchi, regine, principi. E principesse, come Anna, figlia di Yaroslav il Saggio: nel 1051 divenne moglie del re francese Enrico I. I Trump possono vantare tra gli antenati altri tre sovrani francesi: Filippo I, Luigi VI e Luigi VII. Dal XIII° secolo il ramo trumpino si radica in Gran Bretagna: troviamo lord, conti, duchi, persino la regina scozzese Joan Beaufort. Sei generazioni fa compare un Donald, dei MacLeod di Whitefield; da lui si risale a Mary Anne Trump (MacLeod), madre del nuovo presidente Usa. Insomma, il pedigree di un oligarca perfetto: unisce soldi e nobiltà. Mica un plebeo tycoon. “È il preemnik”, il successore predestinato, ironizza lo scrittore Gleb Morev, “al quale Putin può passare il potere”.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

Aleksandr Solženicyn e Jan Palach, memorie di agosto 3/8/2018


Continua a leggere

Berezovskij, prima padrino di Putin, poi nemico n° 1 8/5/2018


Continua a leggere

Caso Skripal, l’Occidente si mostra unito 30/3/2018

Il fronte ha palesato fessure, una decina di Paesi europei ha preferito non allinearsi ai voleri di Washington, Londra e Berlino. D’altra parte, le sanzioni adottate nel 2014 (dopo l’annessione della Crimea e l’abbattimento del volo MH17 nell’est dell’Ucraina in mano ai secessionisti filorussi) sono già costate più di 60 miliardi (e 40 miliardi alla Russia) e anche questo contenzioso comincia a essere messo in discussione
Continua a leggere

Putin e la parodia di un’elezione 23/3/2018


Continua a leggere