JFK Marilyn, Castro e il 2° uomo. Solo nuovi misteri su JFK

Storie

Chi uccise per davvero Kennedy? Dai 2891 documenti desecretati del National Archives di Washington, su input di Donald Trump, emergono dettagli che potrebbero riscrivere la più oscura delle pagine di storia degli Stati Uniti. Cominciando dall’inizio: ad assassinare il presidente Usa non sarebbe stato Lee Harvey Oswald bensì un agente di polizia, J.D. Tippit. Che però non potrà mai difendersi dall’infamante accusa: l’hanno freddato 53 anni e undici mesi fa a colpi di pistola nella East 10th street di Oak Cliff, un quartiere residenziale della periferia di Dallas. Per la precisione, 45 minuti dopo l’attentato a Kennedy avvenuto nella Dealy Plaza della capitale texana: era il 22 novembre del 1963.

Furono dodici i testimoni del delitto Tippit. Vennero identificati e rilasciarono le loro testimonianze. Otto riconobbero o credettero di riconoscere Oswald nel killer, sia durante i confronti sia con l’ausilio di foto segnaletiche. Questo era risaputo. Ma non che Oswald e Tippit si fossero incontrati in un night-club di Jack Ruby, giusto una settimana prima dell’assassinio di Kennedy. Ruby, legato alla mafia locale, avrebbe poi ucciso Oswald nei sotterranei della polizia di Dallas: ora pare sempre più probabile che Ruby gli voleva tappare la bocca. Altro dettaglio significativo: fu John Edgar Hoover, l’onnipotente direttore dell’Fbi, ad interrogare personalmente Ruby che negò ogni legame con gruppi organizzati.

In un altro file desecretato, prodotto dalla Cia, si segnala che l’MI-5, il servizio di sicurezza britannico, avrebbe registrato alle 18 e 05 GMT del 22 novembre “una telefonata anonima fatta a Cambridge, Inghilterra, al senior reporter del Cambridge News. La persona al telefono disse solo che il giornalista avrebbe dovuto chiamare subito l’ambasciata Usa a Londra per alcune grosse notizie, e attendere”. Il documento è stato stilato da residenti londinesi della Cia e inviato come informativa al direttore dell’Fbi. Venticinque minuti dopo quella misteriosa telefonata, Kennedy viene sparato a Dallas. Le coincidenze, nella drammatica vicenda della morte di Kennedy, sono troppe. E troppo inquietanti. La stessa Cia aveva messo seguito i movimenti di Oswald e le sue attività. Era stato in Messico e lì aveva incontrato intermediari sovietici e cubani. L’avevano persino intercettato - lo riporta uno dei tanti “memo” a lui dedicati e scritti a mano - mentre tentava di parlare “in un russo stentato” con Valerij Vladimorovich Kostikov, console ma soprattutto spia del Kgb.

Quanto ad Oswald, l’Fbi aveva ricevuto soffiate sulla possibilità che il presunto assassino del presidente sarebbe stato messo a tacere per sempre. Il capo della polizia di Dallas fece finta di nulla. In una trascrizione, Hoover riferisce che la sera prima all’ufficio dell’Fbi di Dallas arrivò una telefonata: un uomo, dalla voce calma, aveva detto di far parte di un gruppo organizzato per uccidere Oswald. L’Fbi allertò la polizia. Inutilmente.

Si capisce perché Mike Pompeo, il direttore della Cia, abbia dichiarato di essere “furiosamente” contrario a rendere pubblici questi file (e ne restano in cassaforte altri 300). Perché, comunque, svelano l’altra faccia dell’America: dalle indagini su Marilyn Monroe e il suo flirt con Kennedy, al piano Mangusta per far fuori Fidel Castro, agli intrighi di potere. La Guerra Fredda è il fondale dell’inchiesta. In un rapporto di 7 pagine (2 dicembre 1966) consegnato da Hoover, l’uomo più temuto degli Stati Uniti, a Marvin Watson, assistente di Lyndon Baines Johnson, successore di Kennedy, si sottolinea come l’Urss ipotizzasse una cospirazione “organizzata dall’ultradestra Usa per fare un colpo di Stato”. Lo pensava anche la stragrande maggioranza degli americani che all’origine dell’assassinio di Kennedy ci fosse stato un complotto e che Oswald non fosse l’unico responsabile, contrariamente alla conclusione della Commissione Warren. I russi ritenevano che Kennedy fosse rimasto vittima di “un piano attentamente organizzato nel quale diverse persone ricoprirono un ruolo”. Chi l’ha ucciso, secondo Mosca, spiega Hoover, vuole “utilizzare l’assassinio e lo spirito anticomunista per fermare i negoziati con l’Urss, attaccare Cuba e avviare una guerra”.

Ipotesi ragionevole. Ma avrebbe sconquassato il Paese e il mondo. Meglio dare la colpa ad un uomo solo. I documenti dimostrano quanto Hoover abbia giocato il ruolo del burattinaio nell’inchiesta: “Ciò che preoccupa me e anche il signor Katzenbach (il procuratore generale aggiunto, ndr.) è scovare qualcosa in grado di convincere il pubblico che Oswald è il vero assassino”. Lo scrive il 24 novembre del 1963, nemmeno un’ora dopo la morte di Oswald, così agevolmente ucciso da Ruby. Chi erano i mandanti? I documenti non lo spiegano.

Fonte: Leonardo Coen

GUARDA ANCHE

Giro d’Italia 2019 23/5/2019

"Nessuno è straniero" G.Brera
Continua a leggere

LO STIVALE ROVESCIATO 6/8/2018

Milano - Napoli. La rubrica di lunedi
Continua a leggere

Putinstan 3/8/2018

La Russia di Putin
Continua a leggere

RUSSIA FIFA 2018 21/6/2018

Il Mondiale della paura
Continua a leggere