Tutti pazzi per Elia

Giro d’Italia 2018 Tel Aviv

TEL AVIV. Nel giorno dello shabbath, Israele scopre il ciclismo: due milioni di spettatori lungo i 167 chilometri della seconda tappa da Haifa a Tel Aviv. Un miracolo, spiritualità e trascendenza del Giro in Terrasanta. Il messia di ieri ha il nome di un grande profeta, Elia. Quello di Viviani, campione olimpico di omnium (specialità della pista), che ha vinto con una volata poderosa: “Non è scontato che quando il Giro va all’estero ci sia così tanta gente sulle sue strade. Alla premiazione la folla era una marea che si perdeva a vista d’occhio: mi ha commosso, da corridore sono orgoglioso che il ciclismo sia così popolare anche dove è agli inizi, è un ricordo che io e gli altri del gruppo ci porteremo nel cuor per sempre”. Viviani si rammarica di non aver potuto visitare Gerusalemme come meritava, ma è rimasto contagiato dall’entusiasmo degli israeliani. Anche se è uno sfizio costato ben 120 milioni di shekel (27 milioni e mezzo di Euro, ossia 67996 euro per ognuno dei 405,7 chilometri previsti in Terrasanta). Soldi a fondo perduto?

Mica tanto. Trenta milioni li hanno stanziati i ministeri del Turismo e dei Trasporti. Poiché ci sono state difficoltà all’inizio nella ricerca degli sponsor - prevaleva una certa diffidenza - è stato il miliardario canadese di origini ebraiche Sylvan Adams a finanziare la maggior parte delle spese. Due anni fa, con la moglie Margaret, ha compiuto la sua aliyah, cioè la “salita”, l’immigrazione in Israele. Medaglia d’oro di ciclismo amatoriale alle Maccabiadi, magnate dell’immobiliare, ha abbinato la passione della bicicletta all’aspirazione politica (ed economica) di promuovere l’immagine di Israele grazie allo sport, con l’appoggio determinante delle autorità. Una scommessa vinta, dicono oggi da Netanyahu in giù. Ma non è l’opinione dei palestinesi, che hanno considerato “uno schiaffo alle leggi internazionali” il grande via a Gerusalemme, un modo per “promuovere la coloniale narrazione israeliana sulla Città Santa e i Territori occupati”, come ha dichiarato polemicamente il vicegovernatore palestinese Abdallah Siam. Mentre Dumoulin vinceva la crono d’esordio - l’ultimo a partire è stato il più veloce ad arrivare, in fondo una metafora quasi biblica… - pochi chilometri più a est, un centinaio di ciclisti pedalavano da Ramallah, la capitale cisgiordana, sino al checkpoint di Qalandia, a nord di Gerusalemme, dove hanno dispiegato la bandiera palestinese. Un gesto simbolico. Ignorato dai media, tutti schierati a “coprire” l’eccezionale evento del Giro sullo sfondo della Città Vecchia, e sulle sue millenarie suggestioni mistiche.

Tradotto in pecunia, un business geniale. La copertura mediatica riporterà infatti nelle casse del Comtec Group, la società di produzione del “Big Start Israel”, dai 12 ai 15 milioni di dollari (la valuta dei network televisivi) in diritti TV. Sono arrivati per il Giro in Israele più di 10mila turisti che hanno prodotto un movimento valutario di almeno 50 milioni di shekel (11,5 milioni di Euro). Parecchi milioni sono lì genererà il merchandising, legato in particolare alla squadra Israel Cycling Academy i cui colori sono quelli della bandiera nazionale. Le spese per portare il Giro sono state ingenti, gli ingaggi dei campioni hanno pesato non poco. Ma il ritorno d’immagine compenserà l’eventuale buco.

Quanto alla corsa, Dumoulin ha perso volutamente la maglia rosa al traguardo volante di Cesarea, dando il via libera a Rohan Dennis, secondo della crono di Gerusalemme, e marcando stretto invece il belga Victor Campenaerts. La Bmc di Dennis sarà un forte alleato.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

Viviani vince ancora 19/6/2018

E oggi per la truppa c’è il temuto “Mostro”
Continua a leggere

Il Giro delle polemiche si ferma tra le buche 28/5/2018


Continua a leggere

I No Tav e i pro Palestina. Poi Froome vince il Giro 27/5/2018


Continua a leggere

Froome spiazza il Giro 26/5/2018


Continua a leggere