Dimenticate l’Isis: il testimone del jihad alle brigate Al-Quds La polveriera - I miliziani della Striscia di Gaza pronti a diventare i nuovi paladini dei palestinesi

L’America di Trump

Invece di assumere un atteggiamento più prudente e meno avventurista, Donald Trump procede con l’andatura di un bulldozer nel fragilissimo ed esplosivo scenario mediooentale: “E’ tempo di riconoscere ufficialmente Gerusalemme come la capitale d’Israele”, ha infatti dichiarato ieri, più che mai persuaso che la scelta di trasferire l’ambasciata Usa da Tel Aviv alla Città Santa sia non soltanto una decisione presa “nel migliore interesse degli Stati Uniti, da tempo dovuta”, ma lo stimolo perché aumentino le probabilità di una “pace duratura” tra Israele e i palestinesi. Non lo sfiora nemmeno nell’anticamera del cervello che sia il solo a pensarla così e che tale mossa possa al contrario aumentare l’instabilità di una regione, compattando per esempio i fronti - oggi divisi - dei combattenti islamici, offrendo su di un piatto d’argento l’alibi per ricominciare la lotta contro i “Crociati” e i loro alleati israeliani.

Ma davvero Trump sottovaluta questo inquietante scenario? Il 25 settembre è stato lapidario quando ha dichiarato che vuole riconoscere Gerusalemme come “capitale indivisa dello Stato di Israele”. Trump non si è consultato con nessuno, irritando le cancellerie europee e mettendo in subbuglio il mondo arabo. Tant’è che le ambasciate Usa in Medio Oriente sono state messe in stato d’allerta. Però Trump ha anche detto di voler rilanciare il tribolatissimo negoziato di pace tra palestinesi ed israeliani. A fine novembre gli ha fatto eco Mahmoud Abbas (Abu Mazen) presidente dell’Autorità palestinese: siamo pronti alla pace, se Trump ci aiuta, vogliamo arrivare ad avere Israele e Palestina che vivono in pace e in sicurezza, uno accanto all’altra. Il problema, ha detto Abu Mazen, è che Benjamin Netanyahu non ritiene più possibile la soluzione di due Stati...

Dunque, Trump ha lanciato il guanto della sfida. Ma la sfida è ancora lungi dall’essere attuata. Dire: sposto l’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme è un conto, realizzare il trasloco un altro. Passeranno mesi, forse più di un anno perché l’ambasciata venga costruita, messa in sicurezza e diventi operativa. Per il momento, c’è l’ordine di Trump al Dipartimento di Stato di cercare il luogo più adatto ove insediare la sede diplomatica degli Stati Uniti e di ingaggiare degli architetti perché presentino un progetto idoneo.

Intanto, si sta montando un clima sempre più esasperato. Che rischia di compromettere la riconciliazione inter-palestinese delle ultime settimane (a dire il vero, più dialettica che concreta) tra Autorità Palestinese e Hamas, con lo Jihad islamico in Palestina sempre più riluttante a deporre le armi. Questo movimento, vicino all’Iran, sarebbe favorevole al ravvicinamento tra Hamas e Al-Fatah. Ma Trump, sostiene Hamas, “ha aperto le porte dell’inferno, riconoscendo Gerusalemme come capitale di Israele” (e Gaza è di nuovo in fermento).

E’ un momento critico: come non tener conto dell’avvertimento di Putin, “sostengo il diritto palestinese ad avere Gerusalemme come capitale”? Mosca sfida Washington. Mentre Israele paventa una sorta di alleanza delle varie componenti - spesso ferocemente rivali - dello Jihad islamico - a cominciare da al-Qaeda che si è sempre fermamente opposta a qualsivoglia processo politico con “l’occupante” israeliano, simbolizzato dagli accordi di Oslo del 1993. E forse potrebbe rientrare in gioco l’Isis, sfruttando la “provincia del Sinai” in cui opera il gruppo (in crescita) jihadista egiziano Ansar Beit al-Maqdis, responsabile dell’attentato alla moschea sufi di Bird al-Abed che è costato la vita ad oltre 300 persone. Il Califfato ha spesso condannato l’impotenza dell’Autorità Palestinese nel fermare l’estensione delle colonie israeliane in Palestina. Ma nella striscia di Gaza lo Jihad sta svolgendo un ruolo di mediazione tra Fatah e Hamas, forte dei suoi 10mila militanti inquadrati nelle Brigate Al-Quds e dei 20mila nelle Brigate Al-Qassam, l’ala militare di Hamas. Intanto, Egitto e Giordania condannano la decisione Usa. Un puzzle dalle dimensioni sempre più inopinate. Ed imprevedibili, purtroppo. Il vento del deserto soffia sabbia. E guerra.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

Dimenticate l’Isis: il testimone del jihad alle brigate Al-Quds 7/12/2017

La polveriera - I miliziani della Striscia di Gaza pronti a diventare i nuovi paladini dei palestinesi
Continua a leggere

La gaffe che può incendiare tutto il Medio Oriente 6/12/2017


Continua a leggere

La guerra di Corea 26/4/2017

Quando la guerra americana diede il via alla dinastia Kim
Continua a leggere

Le bombe americane spaccano in due la Libia 19/1/2017

Raid in grande stile contro l’Isis, ma pare più un avvertimento alla Russia alleata del rivale del governo di Tripoli
Continua a leggere