#ChièCharlie? Spirito appannato - Il terrorismo aveva unito la Francia e l’Europa Cerimonie sottotono, dove il risentimento supera il sentimento

Je suis Charlie

PARIGI. Siamo stati #jesuisCharlie!. Poi, ce ne siamo dimenticati. Ebbene, restiamo “Toujours Charlie!”, cioè sempre Charlie! Lo propongono da qualche giorno sui muri di Parigi e su quelli delle stazioni metro dei manifesti di stile giacobino, graficamente retrò, politicamente quasi sessantottini: sfondo rosso, strisce blu, coccarda tricolore, slogan in bianco. Con l’invito di andare a riempire oggi pomeriggio la sala delle Folies Bergère per un dibattito (dalle 15 alle 19) su cosa ne è stato dello spirito che mobilitò milioni di francesi, di europei, di cittadini del mondo che scesero in piazza per difendere la libertà d’opinione, dopo l’assalto islamico che decimò il 7 gennaio del 2015 la redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo. La riunione pubblica avrà una coda serale (dalle 20 e 30 alle 23), con spettacolo e lettura dei risultati di un sondaggio d’opinione sui “francesi e Charlie, tre anni dopo”. Per capire cosa è cambiato e come e quanto. Per analizzare le problematiche dello jihad made in France: i terroristi che hanno insanguinato il Paese erano dei giovani francesi, allevati ed educati in Francia. Ossia, sul banco degli imputati c’è l’integrazione fallita. Insomma, una riflessione collettiva e disincantata, rigorosamente laica, ben lontana dagli stereotipi delle commemorazioni ufficiali.

Dunque, “Toujours Charlie!”? La domanda è provocatoria. Vorrebbe essere uno schiaffo. Sotto lo slogan del manifesto si leggono quattro parole che decifrano l’evento: “la mémoire au combat”, la memoria va difesa combattendo, non dimenticando, non restando indifferenti. Sottotraccia, ci si può leggere una critica al macronismo fagocitante e alle pericolose derive islamofobe. L’iniziativa è di tre associazioni (Printemps républicain, Comité laïcité République, Licra) e della redazione di Charlie Hebdo. Quanto alle Foliès Bergere, la scelta - politicamente irriverente, quindi nel solco arato da Charlie... - è legata al fatto che si trova a pochi passi dalla sede di Printemps républicain.

In realtà, dietro “Toujours Charlie!” c’è il tentativo di ridare linfa e vitalità al fronte laico intellettuale di una sinistra repubblicana frantumata, anzi, dissipata dagli effetti politici collaterali del terrorismo e dalla crisi dei migranti (spesso associati nella paura della gente). Tre anni fa, la reazione dei francesi e di tutta la società civile globale al massacro della redazione di Charlie Hebdo fu immediata e forte, decisa e impressionante per mobilitazione, per passione, per impegno. Fummo tutti #jesuisCharlie: in difesa cioè della libertà d’opinione, per scomoda e fastidiosa che fosse, contro l’intolleranza, le derive e le manipolazioni identitarie. Oggi, invece, prevalgono più risentimenti che sentimenti. La paura ha indotto la politica ad adottare misure di prevenzione e sicurezza che limitano le libertà di cui Charlie Hebdo, nonostante le sue intemperanze, resta una sorta di termometro, e delle quali le associazioni come Printemps républicain si ergono a paladine, in nome dei principii essenziali su cui si basano le nostre società. E il nostro comunitarismo. #ToujoursCharlie!

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

#ChièCharlie? 6/1/2018

Spirito appannato - Il terrorismo aveva unito la Francia e l’Europa Cerimonie sottotono, dove il risentimento supera il sentimento
Continua a leggere

Da Charlie Hebdo al Bataclan: l’anno del terrore. E nell’Europa ferita si risveglia l’autoritarismo 5/1/2016

Da Parigi (7 gennaio) a Parigi (13 novembre), passando per l'attacco al Museo del Bardo a Tunisi, la strage di Ankara e l'esplosione dell'aereo russo sul Sinai: queste le tappe del fenomeno "circolare" che ha sconvolto il Vecchio Continente. Vittima la società dei diritti e delle libertà che ha accettato uno Stato sempre più intrusivo e che in molte occasioni non ha saputo ostacolare paura e populismo
Continua a leggere

Charlie Hebdo, un anno fa l’attacco alla libertà di opinione. Viaggio nella redazione che adesso nessuno vuole 4/1/2016

Il 7 gennaio 2015 due uomini incappucciati e armati entrarono nella redazione del giornale e uccisero 12 persone. Quattro giorni dopo due milioni di parigini sfilarono uniti in pace dal dolore, dall’indignazione, dalla repulsione di ogni fanatismo. Allora, come dopo gli attentati di Parigi, risuonò per le strade della città la Marsigliese. Intonata con passione e con profonda commozione. In quel momento e da allora siamo stati tutti "Je suis Charlie"
Continua a leggere