Polizie in tilt - Difetti di coordinamento Faciloneria e silenzi: i flop antiterrorismo da Barcellona alla Ue

Barcelona Barcelona

Cosa insegna l’attentato delle Ramblas? Che per prevenire e combattere efficacemente il terrorismo, bisogna disporre di informazioni costantemente aggiornate e condivise: altrimenti si finisce per litigare, vedi il clamoroso caso della Guardia Civil spagnola e dei Mosso d’Esquadra catalani. Un esempio? Le lacune sui movimenti di Abdelbaki Es Satty, l’iman radicale di Ripoll capo della cellula che ha attaccato Barcellona e Cambrils. Uscito di galera nel 2014 (traffico di droga), era andato in Belgio per cercare lavoro nel 2016, ma la moschea di Diegem (vicino a Bruxelles) aveva rifiutato di assumerlo perché le sue prediche erano troppo violente. Doveva essere espulso dalla Spagna nel 2015, un giudice ritenne che si fosse integrato e che non costituisse “una minaccia reale e sufficientemente grave per la sicurezza pubblica”.

Nel frattempo, ieri i giudici spagnoli hanno rimesso in libertà provvisoria Salh El Karib, 34 anni, il gestore di un phone center di Ripoll frequentato da alcuni jihadisti: non ci sono prove “sufficientemente solide” per tenerlo dietro le sbarre. Aveva pagato con la sua carta di credito un biglietto aereo a favore dell’amico Driss Oukabir, che ora si trova nel carcere di Soto del Real, vicino Madrid, dove gli altri detenuti lo hanno accolto al grido “titaglieremo la gola”. Mah. Il giorno prima era uscito Mohamed Aallaa, l’intestatario dell’Audi A3 sulla quale si trovavano i cinque terroristi uccisi a Cambrils dalla polizia: l’auto era a suo nome, ma l’usava il fratello Said di 19 anni“. Doppio mah.

Ora l’inchiesta si allarga all’estero: “Ci vorrebbe un Fbi europeo, perché da sola l’Europol non basta a combattere il jihadismo”, ha dichiarato Antonio Tajani, presidente del Parlamento Ue, a Radio Onda Cero, sottolineando la necessità di una più stretta cooperazione tra magistrature, polizie e servizi segreti. A Bruxelles, la Commissione Ue si è affrettata a segnalare che negli ultimi cinque mesi, da quando ad aprile sono stati introdotti i controlli sistematici alle frontiere esterne dell'Ue, il database di Schengen ha raccolto 70 milioni di informazioni. Di conseguenza, sono aumentati “in modo esponenziale” gli individui segnalati dal sistema al passaggio delle frontiere Ue (non solo chi è sospettato di terrorismo o di crimini gravi, ma anche per reati comuni o altre ragioni giudiziarie). Il problema è che occorre un grosso apparato di specialisti, di traduttori, di esperti per trattare tutti i dati...

Che fare poi, se scatta come mercoledì sera a Rotterdam, l’allarme attentato in occasione del concerto degli Allah-Las, un gruppo rock californiano piuttosto discusso e discutibile. Era già capitato in passato che il gruppo venisse minacciato per il nome. In più, una soffiata dalla polizia spagnola è parsa credibile, dopo quello che era successo a Barcellona. Inoltre, vicino al Maassilo, il locale del concerto (annullato all’ultimo momento) c’era un furgoncino bianco immatricolato in Spagna, carico di bombole. L’autista, palesemente ubriaco, è stato fermato. Anche un altro giovane di 22 anni, residente nel Brabante, finiva in guardina, sospettato d’aver postato su Telegram un messaggio in cui paventava l’attentato agli Allah-Las. Una provocazione? Un “atto idiota”, come hanno detto le autorità olandesi?

Quanto al primo fermato, col terrorismo sembra non abbia nulla a che vedere. E’ un meccanico, ha fornito un alibi ragionevole sul trasporto delle bombole. Mentre la segnalazione spagnola era frutto di indagini che nulla avevano a che fare con l’attentato di Barcellona: “È stato un caso: persona sbagliata, posto sbagliato, momento sbagliato, e bravi agenti di polizia", ha commentato il capo della polizia di Rotterdam, Frank Paauw. L’evacuazione del locale? “Una vergogna terribile adottare tali misure, ma tutte le indicazioni erano a sostegno di questo”. Da Rimini gli ha fatto eco il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ospite del convegno di Cl: “Non possiamo completamente chiudere e blindare le nostre città, ma non possiamo accettare il terrorismo come la normalità”.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

Polizie in tilt - Difetti di coordinamento 25/8/2017

Faciloneria e silenzi: i flop antiterrorismo da Barcellona alla Ue
Continua a leggere

L’autista e la falsa cintura. Fine della fuga per Younes 22/8/2017


Continua a leggere

Da Barcellona a Casablanca 21/8/2017

Re, spie e repressioni nell’incubatore del nuovo jihadismo
Continua a leggere

Altro che unità: Catalogna e Madrid litigano su Daesh 20/8/2017


Continua a leggere