UNA VIA INTITOLATA A BETTINO CRAXI Redenzione e peccato valgono un corso dedicato a Lutring?

LO STIVALE ROVESCIATO Milano

Via Craxi? Per par condicio come minimo ci vuole almeno un largo Mani Pulite. E, se proprio vogliamo riabilitare personaggi controversi e famosi, perché no un corso Lutring, celebre gangster detto “il solista del mitra” (ne teneva sempre uno dentro una custodia di violino)? La sua è una storia, a suo modo, esemplare. Su Wikipedia Luciano Lutring è definito “criminale, scrittore, pittore”. L’ho conosciuto: era pure un ineguagliabile affabulatore. Raccontava la sua vita con arguzia e fantasia, un antesignano della post-verità. Fu graziato due volte: dal presidente Pompidou, in Francia. E da Leone, in Italia. Un “nemico pubblico numero uno” con modi da bandito gentiluomo. Realizzò più di 500 colpi. In prigione scrisse molto, e si convertì all’arte. Mise su uno studio, le sue opere denotavano talento. Morì nel 2013. Peccato e redenzione valgono un corso Lutring? Magari dalle parti di via Novara, dove i genitori gestivano un bar. Che si chiamava, guarda il l destino, “Crimen”…

Ci sono 4.194 strade nella toponomastica maschilista di Milano: infatti 2.435 sono intestate a uomini, appena 130 alle donne. Il resto (1.630) riguarda nomi geografici, date, ricorrenze, casati, persino eroi mitologici e letterari. Dedichiamone una a Bettino Craxi, hanno proposto (in due mozioni) gli smemorati che siedono in consiglio comunale, suscitando l’ira di Cinquestelle: “A Dario Fo, non a Craxi! È un insulto ai milanesi”. Intitolate le vie alla cultura, non alla politica corrotta. Ma incombono revisionismi alla Napolitano: Craxi, vittima della lettura “sacrificale” di Tangentopoli. Tradotto: condannato a furor di popolo, più che di giustizia. Nel 2002 la Corte di Strasburgo giudicò che Craxi aveva subito un processo non equo. Per evitare le manette, era scappato in Tunisia, ad Hammamet, dove morì nel 2000. Aveva buscato oltre 10 anni per corruzione e finanziamento illecito ai partiti. Reati documentati dal pm Di Pietro. In effetti, anche allora la gente invocava “via Craxi”. Ma nel senso di “vattene”.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

RABBIA E RANCORE VERSO IL FUTURO 4/12/2017

Statale a Milano: tra le affinità e le divergenze dal ’68 a oggi
Continua a leggere

LA POLITICA TRA LOBBY E POPULISMO 20/11/2017

Che sia Milano o Bergamo, dagli amici ci guardi Iddio
Continua a leggere

LO SVILUPPO ECONOMICO DEL PAESE 6/11/2017

La rinascita del digitale in periferia è solo l’ennesimo slogan
Continua a leggere

QUALE UNITÀ? | L’ITALIA SPACCATA IN DUE 23/10/2017

La pagliacciata del voto sull’autonomia lombarda
Continua a leggere