OLIMPIADI FAVOREVOLE E CONTRARIO Caro Coni, no grazie: Milano ha ben altre esigenze

LO STIVALE ROVESCIATO Milano

Speremm de no. E se il Coni dirotterà a Milano la candidatura trombata della Città Eterna per le Olimpiadi del 2024? Dio ce ne scampi e liberi! Non è bastata l’Expo? Il rischio c’è, dopo il feroce no di Virginia Raggi, la sindaca romana. Rassegniamoci, meneghini, subiremo il solito teatrino prezzolato di politici, esperti e tribuni tv che cercheranno di spacciare i Giochi a Cinquecerchi bocciati dai Cinquestelle come una grande opportunità sprecata, a meno che Milano non voglia cogliere al volo l’occasione. Infatti, come dice il grande Livio Berruti, le Olimpiadi sono una “vetrina delle capacità imprenditoriali, organizzative, industriali, turistiche e culturali di una nazione”. Pretesto e scorciatoia per rimettere a posto la città e per rilanciarne l’immagine? O per affossarla? Il dubbio è lecito. Mai un preventivo olimpico è stato rispettato. Salvo Los Angeles 1984, nessuna Olimpiade è finita in attivo. Conti stratosferici, debiti infiniti (a Roma stanno ancora pagando gli espropri a causa dei Giochi del 1960). In cambio di cosa? Non sarebbe meglio investire qualche miliardo per sistemare le periferie, ripulire l’Idroscalo, costruire piste ciclabili (ormai un milanese su cinque usa la bici per spostarsi), dotare la città di impianti sportivi ad uso e consumo dei cittadini e non perché diventino cattedrali nel deserto, come è successo a Torino 2006, ai Mondiali romani di nuoto, a quelli di ciclismo in Sicilia, a Italia 90? La capitale morale d’Italia è una città dai moltissimi pregi, ha un’immagine internazionale molto quotata, gode persino di un sorprendente trend turistico: quarant’anni fa i turisti l’evitavano come la peste; nonostante il Duomo, la visita più gettonata era quella del Cimitero Maggiore...Ma è anche una città che va in tilt appena si mette a diluviare, dove basta una settimana della moda o del design per congestionarla. La gente s’imbufalisce per i lavori della nuova linea della metropolitana: figuriamoci per i cantieri olimpici. Caro Coni, no grazie, se vedarèm la pròsima...

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

ALTRE ESTATI CITTÀ VUOTE E PAESI PIENI 14/8/2017

Sapessi com’era strano a Milano innamorarsi a Ferragosto
Continua a leggere

LOTTA CIVILE IL PANE TRA FAMA E FAME 31/7/2017

Anche Milano ha le sue brutture, passa la voglia di mangiarlo
Continua a leggere

DUE ITALIE CHI SI RASSEGNA E CHI RESISTE 17/7/2017

Criminalità e fascisteria, Milano è sempre in prima fila
Continua a leggere

TUTTO È POESIA DAL CALCIO AI MIGRANTI 3/7/2017

Quelle domeniche con Maurizio Cucchi: scuola indimenticabile
Continua a leggere