I RUMORI DI UNA CITTÀ A Milano prevale l’urlìo costante e notturno della movida

LO STIVALE ROVESCIATO Milano

Milano ha perso tante cose, negli ultimi anni: popolazione, reddito, lavoro, qualità della vita. E i rumori. Un tempo, dico il tempo del secondo dopoguerra e del boom, le nostre giornate erano scandite dalle sirene delle fabbriche. Ai nostri genitori ricordavano gli allarmi della guerra. Suonavano a lungo, di mattino presto. Poi, a mezzogiorno. Infine, alle cinque del pomeriggio. Negli anni Sessanta, le sirene smisero di ritmare il tempo dei milanesi: le fabbriche sparivano. Allora, ci fu, ma per poco, il sopravvento delle campane. Festose di domenica, implacabili negli altri giorni. Fino a quando la gente decise che davano troppo fastidio: bisognava limitarne i decibel. Che ipocrisia! Il chiasso del traffico era assai peggio, soprattutto nelle ore di punta, punteggiato da clacson variegati, il cui volume tanto era più forte quanto minore era la cilindrata. Senza dimenticare l’incivile esibizione dei “fracassoni”, i conducenti dei motorini che sgasavano apposta per dar fastidio agli altri.

Anni comunque di tantissimi altri suoni, ormai scomparsi, come le sirene della polizia e delle ambulanze che oggi scimmiottano quelle dei film americani. Temuto, il fischietto del “ghisa” che se lo sentivi erano guai. Lo scampanellìo dei tram, indispensabile nei mesi delle nebbie (oggi pure la nebbia è sparita); la “chiamata” dei ghiacciaioli, quando ancora giravano per Milano trasportando sbarre di ghiaccio (“freddo, sciùre, freddo!”) lunghe un metro su sgangherati Ape a tre ruote; i venditori ambulanti, coi loro altoparlanti. Dalle finestre le massaie calavano i cestelli coi soldi e ritiravano la merce. Erano voci di vita quotidiana. Oggi, prevale l’urlìo costante e notturno delle movide. Una ce l’ho sotto casa: l’acme lo raggiungono dopo mezzanotte. Quando le riviste si chiamavano rotocalchi e la pasta Barilla costava cento lire come la confezione di borotalco Robert’s, far chiasso per strada era vietato. E deprecato. Roba da teddy boy. Un modo di dire ormai...silenziato.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

ALTRE ESTATI CITTÀ VUOTE E PAESI PIENI 14/8/2017

Sapessi com’era strano a Milano innamorarsi a Ferragosto
Continua a leggere

LOTTA CIVILE IL PANE TRA FAMA E FAME 31/7/2017

Anche Milano ha le sue brutture, passa la voglia di mangiarlo
Continua a leggere

DUE ITALIE CHI SI RASSEGNA E CHI RESISTE 17/7/2017

Criminalità e fascisteria, Milano è sempre in prima fila
Continua a leggere

TUTTO È POESIA DAL CALCIO AI MIGRANTI 3/7/2017

Quelle domeniche con Maurizio Cucchi: scuola indimenticabile
Continua a leggere