Putin arruola il “paria” Dsk contro i nemici europei L’EX CAPO FMI REDUCE DALLO SCANDALO SESSUALE SARÀ CONSULENTE ANTI-SANZIONI

Putinstan

Niente paura, l’Occidente vuole mettere in ginocchio la Federazione russa ma il Cremlino ha un’arma segreta per cercare di tamponare i danni delle sanzioni che “mina - no la pace”, come il presidente Vladimir Putin ha sottolineato due giorni fa. Anzi, più che un’arma, un uomo. Un superconsulente della finanza mondiale.

“Monsieur Dsk”. Al secolo, il celebre (e discusso) economista francese Dominique Strauss-Kahn, che fu direttore generale del Fondo Monetario Internazionale, carica dalla quale dovette dimettersi nell’estate del 2011 quando fu arrestato a New York, per aggressione sessuale nei confronti di una cameriera del suo albergo. Accusa caduta successivamente, ma ormai lo scandalo gli aveva stroncato la carriera politica (era uno dei leader del partito socialista) e l’ambizione di salire all’Eliseo. Putin conterebbe su di lui per riformare l’eco - nomia russa e aiutare il Paese a rendere dinamico il mercato interno. Insomma, una sorta di Grande Rottamatore e Riformatore, per arginare la situazione. Perché se Putin detta le regole del gioco nella crisi ucraina, non altrettanto si può dire del quadro generale economico russo. Il rublo cola a picco, il cambio col dollaro e l’Euro è ai minimi. L’inflazione è al 7 per cento. La Borsa di Mosca boccheggia. Sono sempre più pesanti i segnali di stallo, i primi effetti dell’embargo decretato dall’Ue e dagli Usa rischiano di innescare situazioni irreversibili. La recessione è in agguato, ormai. Sei i gruppi bancari colpiti dalle sanzioni, a cominciare dalla Sberbank, la maggiore banca statale. Senza contare le restrizioni finanziarie e tecnologiche che riguardano i colossi energetici come Gazprom, Gazpromneft, Lukhoil e Rosneft. I prezzi della frutta vanno alle stelle. La crescita del Pil russo è prevista attorno all‘0,2%. Le riserve delle imprese russe si assestano sui 400 miliardi di dollari. Il ricorso agli investimenti e ai finanziamenti sui mercati occidentali è complicato.

UN REBUS che Putin vorrebbe far risolvere da Strauss-Kahn. Il quale, nel frattempo, ha avuto una resurrezione: ha creato, con la figlia Vanessa, una società di consulenze finanziarie internazionali, la “Parnasse”. Si è associato con un uomo d’affari franco- isrealiano, Thierry Leyne che dispone di una banca d’af - fari a Lussemburgo, con sedi a Bruxelles, Ginevra, Monaco, Casablanca. Il gruppo è stato ribattezzato “Leyne&Strauss-Kahn”. Punto di forza: il riacquistato prestigio dell’ex direttore generale del Fmi che nel 2013 diventa consigliere del governo serbo. Subito dopo, entra nei consigli di due organismi russi: un fondo d’in - vestimento e la Banca russa di Sviluppo delle Regioni, un’isti - tuzione che dipende dal gigante petrolifero Rosneft, oggi sulla lista nera delle sanzioni europee. Putin conterebbe sull’esperien - za di Dsk per riformare un’eco - nomia febbricitante ma sa che l’azione di Dsk provocherebbe polemiche: si può aiutare Putin nel momento in cui Bruxelles e Washington cercano di far pressione su di lui, colpendo la Russia nei suoi punti più vulnerabili, ossia uno sgangherato apparato produttivo e un sistema finanziario inadeguato? Per Marc Roche, l’autore del saggio “The Banksters”, è evidente un possibile conflitto d’interessi: un conto è far soldi sfruttando la propria competenza; un altro, aiutare indirettamente la Russia a trovare il modo di scantonare le sanzioni”.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

Il Mediterraneo e la dottrina Putin: questa è cosa nostra 8/4/2017

Il Cremlino non farà passi indietro, ha bisogno delle basi navali siriane per espandere il raggio d’azione fino alla Libia
Continua a leggere

La morte come propaganda 6/4/2017


Continua a leggere

Le bombe di Pietroburgo 4/4/2017

La pista del Terrore e la strategia “zarista” tra paura e rabbia. Il regime pronto a sfruttare l’effetto mortale: nascondere le proteste dell’opposizione puntando su un nemico comune
Continua a leggere

Il sogno russo: “Senza Putin” 31/3/2017

Retate nelle scuole, agenti pronti a sparare sui manifestanti, sciopero dei camionisti e in tutto il paese torna lo slogan delle proteste del 2011 contro lo “zar”
Continua a leggere