La morte come propaganda

Putinstan

MOSCA. Dalla Russia con terrore. Infatti: “Il terrorista è nobile, terribile, irresistibilmente affascinante perché combina su di sé due sublimi vette della grandezza umana: il martire e l’eroe. Dal giorno in cui giura, dal fondo del cuore, di liberare il suo popolo e la sua patria, sa che è votato alla morte”: sembrerebbe un editto del califfo Abu Bakr al-Baghdadi, il capo dell’Isis, per elogiare il sacrificio dei kamikaze mandati a seminare morte e terrore in Occidente e adesso anche nella Russia putiniana che è intervenuta in Siria.

E invece no. Sono parole scritte nel 1863 dal russo Sergej Michajlovič Kravčinskij, nato in Crimea, figlio di un medico militare e di una nobildonna, nel saggio “La Russia sotterranea” (1863). Con l’anarchico italiano Enrico Malatesta elaborò la teoria della “propaganda col fatto”. Poiché nell’impero zarista non è possibile fare politica socialista in modo legale, poiché la libertà d’opinione e di stampa non c’è, poiché comunque operai e contadini, coloro ai quali la propaganda socialista dovrebbe essere rivolta, sono in gran parte analfabeti, occorre agire in “modo rivoluzionario”, anche “violento”. Per dimostrare alle masse che ci si può ribellare. Colpendo obiettivi clamorosi e simbolici. Come teorizzava Sergei Netchaev, autore del Catechismo del rivoluzionario (1869), il primo a promuovere la distruzione “la più implacabile” quale dovere del terrorista. E del resto, l’Ochrana, la polizia segreta russa, fu la prima al mondo ad avere una sezione contro il terrorismo.

Il 4 agosto del 1878 Kravčinskij uccide in un attentato Mezencev, il capo della III sezione della polizia russa, quella che si occupa dei reati politici. Due giorni prima, a Odessa, erano stati impiccati alcuni rivoluzionari vicini al gruppo Zemlija i Volja (Terra e Libertà). L’attentato pare l’immediata ritorsione alla feroce repressione zarista. E infatti, pochi giorni dopo arriva la rivendicazione, tramite opuscolo intitolato Smert’ za smert, morte per morte. Meccanismo che ancor oggi è riprodotto dai jihadisti.

L’autocrazia bianca (zarista) prima e quella rossa (sovietica) poi, genera infatti il terrorismo moderno e la sua deriva leninista-stalinista, ossia il Terrore come strumento di potere e di supporto al regime. Aleksandr Ulianov, il fratello maggiore di Lenin, propugna l’attentato politico per destabilizzare il regime. Sarà impiccato nel 1887, mentre stava progettando l’uccisione di Alessandro III. Il terrorismo diventa una componente “politica”, che sia di matrice nichilista, populista, anarchica, o bolscevica. Quando il moderato ministro degli Interni Loris-Mlikov, un generale, propose il 13 marzo 1881 l’abolizione della servitù della gleba, lo stesso giorno alcuni cospiratori di Narodnaja Volja (Volontà del Popolo) ferirono mortalmente lo zar Alessandro II, mentre rientrava in carrozza a palazzo. Era scampato a sette attentati. I cinque autori vennero impiccati un mese dopo.

C’era poi quella che i russi chiamavano “l’eccezione cecena”. Cioè un popolo di montagna, musulmano, che resisteva fieramente alla conquista zarista. Il Grande Caucaso fu sempre una polveriera, così come lo sarà il Grande Gioco tra inglesi e russi in Afganistan e Iran. Aleksandr Puskin, il sommo poeta russo amatissimo da Putin, ammirava quei montanari - leggere Il prigioniero del Caucaso, poema giovanile del 1820 - contrapponendoli all’artificiosità dei russi europeizzati. La missione imperiale e religiosa della Russia aveva uno scopo, scrisse Anna Politkovskaja: dimostrare ai russi che l’ordine veniva ristabilito, costasse quel che costasse. Insomma, una sorta di guerra pedagogica. Lo zar Nicola I lottò quarant’anni contro i ribelli ceceni, sterminio dopo sterminio. Nel 1944, Stalin con la falsa accusa che avevano collaborato con i tedeschi, fece deportare tutti in tre giorni. Gli uomini mandati a combattere (e morire) al fronte. Un terzo delle donne e dei bambini morirà nelle lunghe trasferte a Est. La Russia post-sovietica ingaggia due guerre. Nella prima uccide un abitante ogni dieci, Nella seconda, il doppio. Una valanga di sofferenze che radicalizza chi non vuole finire tra le braccia del fantoccio di Mosca, Ramzan Kadyrov. In cambio della stabilità caucasica e della lealtà a Mosca, il Cremlino chiude gli occhi su corruzione e ruberie. Perché il Caucaso, e alcune ex repubbliche sovietiche come il Kirghizistan e il Tagikistan, sono polveriere. Pronte ad esplodere. Nella prima guerra cecena, contro i russi ci sono mujahiddin e veterani bosniaci a fianco degli irregolari indipendentisti. Il loro capo, il saudita Ibn Khattab aveva combattuto a fianco di Osama bin Laden. Ed è in quegli anni che la Russia è sconvolta da attentati a ripetizione. I russi riescono a liquidarlo (avvelenandolo). Il 23 ottobre del 2002, islamisti ceceni imbottiti di esplosivi e parecchie “vedove nere” sequestrano 800 spettatori di un teatro. Le forze speciali russe intervengono coi gas: muoiono 41 terroristi. Ma anche più di cento civili. Poi, la scuola di Beslan. Bombe nei metrò di Pietroburgo e Mosca. Le connessioni jihadiste dell’Asia Centrale con quelle dell’asia del Sud. E adesso, la vendetta jihadista per la Siria: l’aereo del Sinai fatto saltare dall’Isis. Gli attentati in Turchia, compiuti dai foreign fighers: dalla Cecenia, con odio, per punire zar Putin.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

Il Mediterraneo e la dottrina Putin: questa è cosa nostra 8/4/2017

Il Cremlino non farà passi indietro, ha bisogno delle basi navali siriane per espandere il raggio d’azione fino alla Libia
Continua a leggere

La morte come propaganda 6/4/2017


Continua a leggere

Le bombe di Pietroburgo 4/4/2017

La pista del Terrore e la strategia “zarista” tra paura e rabbia. Il regime pronto a sfruttare l’effetto mortale: nascondere le proteste dell’opposizione puntando su un nemico comune
Continua a leggere

Il sogno russo: “Senza Putin” 31/3/2017

Retate nelle scuole, agenti pronti a sparare sui manifestanti, sciopero dei camionisti e in tutto il paese torna lo slogan delle proteste del 2011 contro lo “zar”
Continua a leggere