Attacco Usa in Siria Mosca e Washington per ora si confrontano, ma ancora non si affrontano. Non possono. E’ un braccio di ferro troppo rischioso. E forse, sia per gli Stati Uniti, sia per la Russia, è venuto il tempo di liquidare il dittatore di Damasco e il suo regime criminale. Ma intanto il mondo si divide in due

Guerra in Siria

Uno spettro si aggira in medio Oriente. E’ quello della tentazione. La tentazione, cioè, della guerra. Non più “prove di Terza Guerra Mondiale”, come è stato detto. Lo scenario è drammatico, i primi a capirlo sono i mercati finanziari che infatti hanno cominciato a soffrire. Poi, ad inquietare e ricordare come certe situazioni di oggi assomigliano molto all’inanità del 1938 verso Hitler e le sue mire d’espansione, c’è il silenzio di Cina ed Europa, che sembrano convitati di pietra: si accontentano di formali condanne appellandosi ai diritti umani. Sperano nel buon senso. E nella realpolitik. La Siria non vale il mondo. Ma i suoi bimbi, valgono la fine di Assad.

Infatti Mosca e Washington per ora si confrontano, ma ancora non si affrontano. Non possono. E’ un braccio di ferro troppo rischioso. E forse, sia per gli Stati Uniti, sia per la Russia, è venuto il tempo di liquidare il dittatore di Damasco e il suo regime criminale. Per la Russia, è un alleato che la scredita e la impiomba. Per l’America, l’occasione buona per ricollocarsi in medio Oriente, e dimostrare che non si è abbassata la guardia.

Così, Trump minaccia. E agisce. Putin minaccia, ma non può agire. Entrambi, giocano una mano di poker: per capire chi bluffa di più. Il magnate americano rischia il salto nel buio. Putin sventola il pericolo del suo “ombrello” militare in Siria. La flotta del Mar Nero è in pre allarme. Quella del Baltico, pure. I missili di Kaliningrad, l’enclave russa tra Polonia e Lituania - cioè in piena Unione Europea - sono puntati sulle capitali del Vecchio Continente. L’Alleanza Atlantica è già in allerta.

In verità, Trump ha riscoperto - o meglio, il Pentagono - il ruolo di gendarme globale degli Stati Uniti. Putin è rimasto platealmente vittima delle sue ambizioni imperiali, invischiato nelle complesse trame che ha tessuto per riassegnare al suo Paese il ruolo di superpotenza perduto dopo la caduta del Muro di Berlino e lo sbriciolamento dell’Unione Sovietica.

In apparenza, dunque, l’imprevedibile Donald ha cambiato di colpo tattica nei confronti dell’amico Vladimir. E ha ritirato la mano tesa, che tanto aveva turbato i sonni dei patrioti Usa: inoltre, coi 59 missili lanciati sulla base chimica dell’esercito siriano spera di far dimenticare la Russian Connection e tante sue sprovvedute dichiarazioni sul ruolo degli Stati Uniti in Medio Oriente, come quando disse che non bisognava ricorrere all’opzione militare contro Assad. Paghi uno, pigli due.

I missili Trump hanno sparigliato le carte della grande partita internazionale: il mondo si è diviso in due, come ai tempi della Guerra Fredda. “Sostegno totale” degli alleati degli Stati Uniti. Condanna dei suoi avversari. Le cancellerie hanno rispolverato il lessico dei blocchi contrapposti. Putin ha denunciato l’attacco americano come “un’aggressione contro uno stato sovrano”, il suo portavoce Dmitri Peskov ha incalzato, spiegando che tutto è avvenuto in violazione delle norme del diritto internazionale fondato “su pretesti inventati”, soprattutto, “come stima Putin, quest’azione non avvicina l’obiettivo finale della lotta contro il terrorismo internazionale ma innalza al contrario dei seri ostacoli per la costituzione di una coalizione internazionale per la lotta al terrorismo”. Quindi, la colpa è americana, se ci saranno conseguenze (ma non ci saranno, vista la cautela). Assad, insistono i russi, è innocente (per forza: sono loro che l’armano e lo proteggono). I gas, una balla.

I russi negano l’evidenza e le testimonianze: gli effetti del gas l’hanno visto in tutto il mondo. E questo li ha moralmente isolati. Certo, la politica e la guerra se ne fregano dell’etica e della morale. Ma al tempo dell’informazione istantanea e globale, la menzogna tanto può essere utile - vedi in caso di elezioni - quanto può diventare micidiale, con le immagini cruente ed atroci dei bimbi sarinizzati.

Un altro aspetto, niente affatto secondario, è il nuovo repentino cambio d’atteggiamento di Trump. Ha dovuto arrendersi allo stato delle cose: gli interessi geopolitici Usa non collimano con quelli russi. Non fin quando al Cremlino ci sarà il clan putiniano, nemico della libertà d’opinione, e il potere resterà saldo in mano agli ex uomini del Kgb.

Insomma, Trump ha cozzato contro il mondo reale: quello dei fatti, non delle verità truccate dal suo guru Stephen Bannon, ed ex direttore del sito dell’ultradestra suprematista Breitbart News, messo (finalmente) in un angolo: lo scorso mercoledì 5 aprile la Casa Bianca ha annunciato che Bannon lasciava il Consiglio nazionale di Sicurezza. Una vittoria, secondo gli analisti, del generale McMaster, grande esperto di affari strategici, che lo presiede e che ritiene sia fondamentale come strumento professionale e non politico.

Infine, Putin. Pensava di essere il più astuto del reame, di poter contare per quel che riguardava la Siria di una certa libertà di manovra, forte anche del fatto che in Occidente c’erano movimenti estremisti anti Ue a lui favorevoli. Invece è rimasto intrappolato dalla sua sicumera. I gas che hanno ammazzato decine di bimbi a Khan Sheikhoun hanno dissipato in pochi minuti il paziente lavorìo militare e diplomatico del presidente russo. Persino il nuovo alleato turco Erdogan lo ha clamorosamente contraddetto, invocando addirittura la collera di Allah per l’ignobile azione attribuita ad Assad, o a qualche suo generale, il che non cambia la sostanza. Mentre gli americani avevano acquisito le prove - stavolta non inventate da Bush e Blair come al tempo della guerra in Iraq ma documentate dai satelliti - che l’attacco chimico proveniva da un aereo siriano, lo zar si affannava a dire che si trattava di “fake news”, di balle. Beffardo contrappasso, l’ex tenente colonnello del Kgb che denuncia la disinformatija americana...

Assad è il responsabile di tutto ciò, dicono all’unisono Hollande e la Merkel. Nel loro comunicato in comune (l’Italia nei momenti cruciali sparisce di scena ed evita scelte), affermano di essere stati avvertiti in anticipo dell’azione. I capi della diplomazia francese e tedesca auspicano una soluzione politica sotto l’egida delle Nazioni Unite. I missili Usa sono “un avvertimento”, e pure una forma di “condanna” del “regime criminale” di Assad. Con Washington stanno Arabia saudita e Giappone, Israele offre il suo “totale” sostegno, sperando che “questo messaggio forte” possa essere inteso da Teheran e da Pyong-Yang, ha dichiarato il premier Benyamin Netanyahou. Ankara vorrebbe una zona “d’esclusione aerea” in Siria, considera che i missili siano stati una buona medicina.

Il Pentagono ha battuto il Cremlino? La “punizione” americana per la strage provocata dall’attacco chimico che ha un valore soprattutto dimostrativo, trova consenso nella pubblica opinione statunitense e anche in quella mondiale, scossa dall’atrocità del tiranno di Damasco. Assad si è scavato la fossa.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

Attacco Usa in Siria 7/4/2017

Mosca e Washington per ora si confrontano, ma ancora non si affrontano. Non possono. E’ un braccio di ferro troppo rischioso. E forse, sia per gli Stati Uniti, sia per la Russia, è venuto il tempo di liquidare il dittatore di Damasco e il suo regime criminale. Ma intanto il mondo si divide in due
Continua a leggere

Putin ha tirato le somme 18/3/2016


Continua a leggere

Siria, Putin “ritira le truppe” per spiazzare 16/3/2016

Mosca ha tenuto in piedi Assad - è il ragionamento del presidente russo - per garantire una parvenza di stabilità: si è visto cosa è successo in Iraq, liquidando frettolosamente il regime di Saddam Hussein, e si è visto quel che è successo in Libia dopo la morte di Gheddafi. Così, la Russia ha costretto Damasco alle trattative con l’opposizione: una vittoria del Cremlino, che mantiene la rafforzata base navale di Tartus e quella aerea Kmeimin, vicino Latakia, nuovo caposaldo russo nel Medio Oriente e nel Mediterraneo
Continua a leggere

Siria, poligono di tiro delle potenze mondiali e test per nervi delle Cancellerie: al via la nuova Guerra fredda 15/2/2016

Nel paese dilaniato da 5 anni di conflitto civile Russia, Turchia, Iran, Nato e rispettivi alleati si affrontano in un crescendo di bombardamenti su ospedali, scuole e popolazione civile. Si avanza così verso l'escalation tra veti incrociati, saggiando i margini di tolleranza delle varie cancellerie. Mentre torna a salire la tensione anche sul fronte ucraino
Continua a leggere