Marine Le Pen fa dietrofront La moneta unica non è più il nemico della Repubblica

FAIDA PER L’ELISEO

Le sconfitte elettorali hanno indotto Marine Le Pen a rimescolare tutte le carte in seno al Front National. A cominciare dalla questione dell’Euro. L’uscita dalla moneta unica è stato il cavallo di battaglia della Le Pen, nell’ambito del progetto economico targato FN. Ma oggi, è una battaglia persa, ammette la Le Pen, che ne riconosce il “carattere ansiogeno”. Si è rivelato, ha detto a France Info, “un ostacolo sul quale noi dobbiamo riflettere”. Così Marine Le Pen fa sapere che “decisioni radicali” sull’argomento potrebbero essere prese a breve. Il vicepresidente del partito Louis Aliot ha già cominciato a mettere le mani avanti: “La mia priorità non è mai stata quella di uscire dalla moneta unica”. Altri dirigenti non nascondono la loro crescente ostilità ad una proposta economica che ha fatto perdere consensi, “l’uscita dall’Euro è stato una terribile palla al piede, dobbiamo prendere atto che i francesi non la vogliono”, ha detto Jean-Paul Tisserand, della commissione economica del Front National.

GUARDA ANCHE

Macron da record: nessuno più impopolare in tre mesi 29/8/2017


Continua a leggere

Emmanuel l’Africano nei guai con l’ex-colonia 12/8/2017


Continua a leggere

Les jeux sont faits 8/8/2017

I francesi voltano le spalle a Macron
Continua a leggere

Macron l’Hypocrite 27/7/2017

Macron, l’europeista liberista ipocrita che tutela gli interessi della Francia. E fa bene Obiettivo: rafforzare ruolo di Parigi in Ue
Continua a leggere