Cattolici scismatici Questo matrimonio s’ha da fare oppure no? Tra i Lefebvriani A Ecône, in Svizzera, nel quartier generale degli “eretici”, dopo le ultime aperture di papa Francesco che, tuttavia, sono state accolte con diffidenza

Chiesa Ecône

QUOTA 491, Ecône (Canton Vallese). Davanti alla piccola Chiesa del Seminario consacrata nel nome del Cuore Immacolato di Maria il 28 giugno del 2012, c’è uno spiazzo che profuma, quando è la stagione giusta, di albicocche: un frutteto, infatti, divide le terre del Seminario di Ecône - baluardo della comunità scismatica tradizionalista dei lefebvriani - dalle severe montagne delle Alpi Vallesi, costellate di boschi e punteggiate, in valle, dai vigneti. Di domenica, non è solo una festa degli occhi e dei sentimenti romantici suscitati dal maestoso paesaggio. Ma è soprattutto una vibrante festa delle orecchie. Le campane della chiesa, infatti, rintoccano forti, incessanti, al termine della messa solenne iniziata alle dieci del mattina e rigorosamente celebrata in latino, liturgia che nella Fraternità Sacerdotale San Pio X viene difesa strenuamente, e con orgoglio, dai fondamentalisti dell’estrema destra cattolica. “E’ la Messa di sempre”, ti dicono i seguaci della Comunità, ripetendo l’insegnamento di monsignor Lefebvre, “quella in cui si adora la Santa Eucaristia, così come ci è stato tramandato. Quella che celebra la vittoria di Gesù sul male. Che incita alla riconciliazione col Padre, coi santi martiri, confessori e dottori della Chiesa”.

I fedeli sciamano fuori accompagnati dalla frastornante e suggestiva colonna sonora, si sentono fieri soldati di un Dio che storce il naso di fronte alle “rivoluzioni” di papa Francesco così gravi - pensano - nelle loro conseguenze. Poco importa se, negli ultimi tempi, Bergoglio abbia dato segnali di rappacificazione: prima la concessione delle confessioni, prolungata ad oltranza il 20 novembre del 2016 dopo l’anno Giubileo della Misericordia, poi la recentissima approvazione del documento redatto il 27 marzo scorso dalla Congregazione per la Dottrina della Fede (firmato dal cardinale Gerhard Mueller) e reso pubblico il 4 aprile, in cui si concede ai sacerdoti della Fraternità di celebrare i matrimoni, dunque riconoscendone “cattolicamente” la validità. Una decisione importante. “Più per il papa che per noi”. I fedeli temono l’inganno: “L’abbraccio più che dare, toglie”, osservano fonti vicine a Radio Spada, un sito cattolico di controinformazione “culturalmente non allineato e puntualmente antagonista” che segue più voci del tradizionalismo cattolico, a cominciare dai lefebvriani.

Bisogna indossare i panni curiali, oh, intendo, virtualmente. per addentrarsi nei labirinti delle dispute cattoliche. La Fraternità, per esempio, non ha replicato coi toni veementi che la contraddistinguono quando denuncia gli “errori penetrati nella Chiesa”. Don Pierpaolo Maria Petrucci, ex Superiore del Distretto italiano (sostituito pro tempore lo scorso primo gennaio da Marco Nely, con qualche polemica, ma questa è un’altra storia...) non si tirava certo indietro, nei suoi articoli di fondo sulla rivista La Tradizione Cattolica.

Stavolta, invece, il commento ufficiale della Fraternità è stato pacato. Anzi. Ha ringraziato “profondamente” il Santo Padre “per la sua sollecitudine pastorale, così com’è espressa attraverso la lettera della Commissione Ecclesia Dei, al fine di togliere ‘incertezza circa la validità del sacramento del matrimonio’. Il Papa Francesco vuole chiaramente che, come per le confessioni, tutti i fedeli che desiderano sposarsi in presenza di un sacerdote della Fraternità San Pio X, possano farlo senza alcuna inquietudine riguardo alla validità del sacramento. C'è da augurarsi che tutti i Vescovi condividano la stessa sollecitudine pastorale”, è scritto nel comunicato ufficiale della Casa Generalizia, il “vertice” della Fraternità San PioX, diramato da Menzingen, in Svizzera, il 4 aprile.

E tuttavia, in quel “c’è da augurarsi” si annida e si esplicita il dubbio dei lefebvriani. Sanno che ogni parola del documento papale, come sempre quando si tratta di testi che andranno a compendiare il diritto canonico, va soppesata e inserita nel contesto generale, più che in quello particolare. Sanno cioè che c’è un significato “politico”. In realtà, per come appare a noi profani, “tale decisione del Sommo Pontefice” prevede dettagli formali potenzialmente limitativi. Non siamo ai livelli don Rodrigo e del matrimonio lefebvriano che non s’ha da fare. Ma non è semplice. Diplomaticamente la Fraternità non lo scrive, ma nel comunicato lo lascia intendere. In questo gesuiti come Bertoglio...

Gli basta citare testualmente le modalità operative: “Sempre che sia possibile, la delega dell’Ordinario per assistere al matrimonio verrà concessa ad un sacerdote della diocesi (o comunque ad un sacerdote pienamente regolare) perché accolga il consenso delle parti nel rito del Sacramento che, nella liturgia del Vetus ordo, avviene all’inizio della Santa Messa, seguendo poi la celebrazione della Santa Messa votiva da parte di un sacerdote della Fraternità’”.

Per noi laici, queste frasi targate Santa Sede sono un ostico manuale d’uso. E non è diversa l’ulteriore disposizione contenuta nella lettera della Commissione Ecclesia Dei: “Laddove ciὸ non sia possibile, o non vi siano sacerdoti della diocesi che possano ricevere il consenso delle parti, l’Ordinario può concedere di attribuire direttamente le facoltà necessarie al sacerdote della Fraternità che celebrerà anche la Santa Messa, ammonendolo del dovere di far pervenire alla Curia diocesana quanto prima la documentazione della celebrazione del Sacramento”.

Così, suonano rituali le ultime tre righe del comunicato di Menzingen: “I sacerdoti della Fraternità San Pio X si adopereranno fedelmente, come fanno sin dalla loro ordinazione, a preparare al matrimonio i futuri sposi, secondo la dottrina immutabile di Cristo circa l'unità e l'indissolubilità del matrimonio (cf. Mt 19, 16), prima di ricevere il consenso secondo il rito tradizionale della Santa Chiesa”.

Convinti della pace con il papa? Mmm. Intanto, nessuno dei sacerdoti italiani si assume la responsabilità di commentare. Ti rimandano a Ecône. Per fortuna c’è Cristiano Lugli che scrive su Riscossa Cristiana, è confratello della Compagnia della Buona Morte e su Radio Spada (il cui motto è: “Non veni pacem mittere, sed gladium” Matteo 10,34), ha profuso diffidenza: “Verso nuovi contentini?”.

Tralascio i particolari “professionali”. Lugli afferma che si tratta di un “cambiamento leggero”, tutto da dimostrarsi nella pratica. Ammette che possa sembrare “pur sempre un cambiamento di portata quasi storica. Questo però non impedisce ancora di affermare che la situazione canonica della Fraternità risulti ad oggi illegittima (e questo è un bene)”. Mica è tutto: il documento papale, a suo avviso, contiene “un certo tono di indagine, di diffida, nonostante la concessione implicita”. Profetizza che “l’odio verso la tradizione” creerà “quanto più disagio possibile”. No, è un “pomiciamento”. C’è da dubitare “di un atto senza compenso richiesto, specie se si conosce solo un pochino il modus operandi della neo-chiesa misericordiosa. Il trappolone sta sempre alle porte”.

Conclusione (di Lugli): speriamo che i vertici della Fraternità “ringrazino per il regalo non richiesto e tirino dritto per la loro strada, la quale, oggi come ieri, può e deve solo starsene alla larga da Roma se la volontà è quella di sopravvivere conservando il depositum fidei”.

Due anni fa, quando andai a Ecône, parlai a lungo con l’abbé Benoit de Jorna, che oggi ha 64 anni, direttore del Seminario. Mi disse: “Questo Papa non si sa dove va. So solo che la decadenza della Chiesa è continua, inesorabile. L’ecumenismo è un flagello. La religione è una sola. Una sola è quella vera, tutte le altre sono false”. Anche le altre confessioni cristiane, gli chiesi. “Sì, sono errori”. Ho ritrovato gli appunti. E un nome. Joseph. Delle quattro campane, Joseph è la più grossa, 450 chili. Il suo clangore ci obbligava ad alzare la voce. Di sicuro, la sentivano anche gli abitanti dei villaggi di Saxon e Riddes, più sotto. Mi accorsi di una naturale sinergia tra la fede (assai nostalgica) di coloro che non approvano e combattono ogni minimo cedimento della Chiesa alle ragioni della modernità, e l’illusione acronica di quei rintocchi. Tutto mi parve sobrio, come i monti attorno.

Statistiche

1 casa generalizia; 6 seminari; 14 distretti;
2 case autonome; 162 priorati; 750 cappelle
2 Istituti Universitari; 100 scuole; 7 Case di ritiro per persone anziane;
575 sacerdoti; 215 seminaristi; 42 pre-seminaristi; 119 fratelli;
186 religiose; 84 suore Oblate; 5 conventi di Carmelitane.

La Fraternità è presente in 32 Stati e ne visita regolarmente 33 altri, esercitando cosi il suo apostolato in 65 paesi.
Numerosi ordini latini e orientali tradizionali sono uniti alla Fraternità sacerdotale San Pio X nel mondo

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

Basta comizi, ora le prediche Hillary, l’ennesima “convertita” 11/8/2017

SULLA VIA DI DAMASCO. Politica e religione
Continua a leggere

Pell a Singapore fra vacanza e gelati 19/7/2017

Australia - Il cardinale accusato di abusi su minori, il 26 luglio la prima udienza
Continua a leggere

Licenziato Müller, il Papa inizia a far fuori i nemici 2/7/2017


Continua a leggere

“Sesso in sagrestia e molestie”: tutte le accuse al cardinale Pell 1/7/2017


Continua a leggere