Serie A, un bel calcio all’intelligenza

Cronaca

Per l’Onu è un eroe, un esempio di lotta contro il razzismo. Per il giudice sportivo di serie A, è solo un calciatore da squalificare. Sulley Muntari, il centrocampista ghanese del Pescara (ex di Inter e di Milan) che domenica è stato insultato da un gruppetto di tifosi cagliaritani con cori razzisti e con sguaiati versacci che imitano le scimmie, ha rimediato una giornata di squalifica. Il Cagliari, invece, è stato graziato. La colpa di Muntari è quella di essersi allontanato dal campo, poco prima che la partita si concludesse, senza autorizzazione. Peraltro, l’arbitro Daniele Minelli l’aveva ammonito, dopo le vivaci (comprensibili) proteste di Muntari che chiedeva fosse applicato il regolamento e che la partita fosse fermata: “L’arbitro se l’è pigliata con me, invece di fischiare la sospensione del gioco”. La ferocia di questa giustizia alla rovescia è paradossale. Muntari invoca l’applicazione del regolamento. Non immagina che è un boomerang: il regolamento l’applicano alla lettera. Il giudice si è ben guardato dal ricorrere alla discrezionalità e al buon senso, alle leggi dell’etica e a quelle dei diritti umani. Ha sacrificato Muntari sull’altare di un calcio codardo. Come funzioni l’ineffabile giustizia sportiva del nostro football lo spiega, impietosamente, il testo del dispositivo di sentenza che ha assolto la squadra di casa. Con un bizantinismo degno del grande avvocato che fu Carnelutti: i provvedimenti sanzionatori non sono stati presi in considerazione perché “considerato che i pur deprecabili cori di discriminazione razziale sono stati percepiti nell’impianto in virtù anche della protesta silenziosa in atto dei tifosi (come segnalato dagli stessi rappresentanti della Procura federale) ma, essendo stati intonati da un numero approssimativo di soli dieci sostenitori e dunque meno dell’1% del numero degli occupanti del settore, non integrano dunque il presupposto della dimensione minima che insieme a quello della percezione reale è alla base della punibilità dei comportamenti in questione, peraltro non percepiti dagli Ufficiali di gara, a norma dell’art. 11, comma 3, CGS”.

Insomma, burocrazia 1, giustizia 0. Alla fine, hanno vinto loro, i razzisti che ululano dalle curve sapendo d’essere impuniti, di poter confidare nell’ignavia degli arbitri, di agire nell’indifferenza calcolata dei dirigenti calcistici e nella sordità di un ambiente retrivo, sovente in malafede: ci siamo già dimenticati di “Opti Poba”, che prima di venire in Italia “mangiava le banane”? Copyright di Carlo Tavecchio, presidente della Figc. Il calcio, declinato in tutti i suoi gironi, è in fondo lo specchio del Paese: terra della reticenza, dell’ipocrisia e della violenza verbale, anticamera di ogni peggio. Dove il mondo del pallone a parole si proclama antirazzista. Dove, negli stadi, di tanto in tanto si dispiegano striscioni contro i buuu e l’hooliganismo e si arruolano come testimonial i campioni.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

GUARDA ANCHE

Juve-Inter 9/12/2017

1977, la vendetta di “Bonimba” ceduto al nemico
Continua a leggere

Vittime del Talidomide, sessant’anni per esistere 4/12/2017

Il medicinale tedesco venne somministrato alle donne incinte tra gli Anni 50 e 60 e provocò la nascita di centinaia di bambini con malformazioni. Solo oggi una legge per il risarcimento anche in Italia
Continua a leggere

Il Milan traballa, il Caimano punta ai voti rossoneri 28/11/2017


Continua a leggere

Il dottor Zivago. I primi sessant’anni di un azzardo italiano 23/11/2017


Continua a leggere